SICILIA. Vini d’Oro / 3

SICILIA. Vini d’Oro / 3

Nell’unica cantina presente sull’isola, ricavata ristrutturando un vecchio palmento, Mauro Pollastri produce questa Malvasia delle Lipari. La scura cenere lavica del suolo conferisce sapidità e profondità alla beva, che ha anche fresca acidità dai toni agrumati. Un equilibrio vulcanico che sa librarsi, danzando sulle punte, in aria.

SICILIA. Vini d’Oro / 2

SICILIA. Vini d’Oro / 2

Passopisciaro, ovvero Etna. Camminare le vigne ad alberello quasi centenarie con ‘a Muntagna testimone. Arcuria ossia nerello mascalese e nerello capuccio. Dodici mesi in botti di rovere. Profuma di frutto integro, con sentori di pietra lavica. In bocca rapisce per la sua freschezza austera, per schiettezza e onesta corrispondenza territoriale.

SICILIA. Vini d’Oro / 1

SICILIA. Vini d’Oro / 1

Nell’unica Docg siciliana nasce questo luminoso Cerasuolo. Una «storia d’oro»: due ingegneri catanesi di 30 anni si innamorano di contrada Valle delle Ferle, che ospita le più vecchie vigne di frappato e nero d’Avola a Caltagirone, l’antico palmento del Settecento e gli ulivi centenari tutt’intorno e…

SICILIA. Una panoramica enoica

SICILIA. Una panoramica enoica

Testimone di 3000 anni di storia vinicola, la Sicilia racchiude un’inesauribile biodiversità varietale, con un alto numero di vitigni autoctoni ancora in parte inesplorati. Una terra che raccoglie diversità spiccate, in un mosaico vivace di cangiante varietà espressiva.

ROMAGNA. Piccola storia della rinascita del Sangiovese

ROMAGNA. Piccola storia della rinascita del Sangiovese

Romagna, un’area i cui confini geografici sono stati dibattuti per secoli senza mai arrivare a una definizione unanime. Lucio Gambi scrisse: «Romagnolità è in primo luogo uno stato d’animo, un’isola del sentimento, un modo di vedere e di comportarsi» e forse è proprio per questo che la Romagna è stata più spesso definita attraverso i comportamenti umani, come quel territorio in cui, chiedendo da bere, viene spontaneamente offerto vino e non acqua.