Il Premio Francesco Arrigoni 2016 alla start up agricola Maramao

in Le Notizie • 3 maggio 2016 • di

arrigoni.silhouetteÈ giunto alla quarta edizione il Premio Francesco Arrigoni, riconoscimento  “a una iniziativa contraddistinta da una forte valenza etica” in memoria di Francesco Arrigoni, giornalista bergamasco e primo direttore del Seminario Veronelli prematuramente scomparso nel 2011.

Il Premio – giunto alla quarta edizione – sarà consegnato dalla moglie Antonella Colleoni, insieme ai figli e ai componenti del Comitato Francesco Arrigoni, sabato 7 maggio alle 11 presso il monastero di San Pietro in Lamosa a Provaglio d’Iseo (Brescia).

Nella prima edizione, il 4 maggio 2013, è stata premiata Libera Terra, associazione nata con l’obiettivo del recupero sociale e produttivo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, per ottenere prodotti di alta qualità attraverso metodi rispettosi dell’ambiente e della dignità della persona. Don Luigi Ciotti ritirò personalmente il premio a Provaglio.

Nel 2014 la scelta del Comitato ricadde sui pescatori di Lampedusa, sempre in prima fila in una catena di solidarietà e coraggio che fa onore ai lavoratori del mare. In loro nome e rappresentanza, ritirò il premio il pescatore-assessore Vincenzo Billeci.

Nel 2015 il Comitato volle dare un riconoscimento al duro lavoro del casaro sui pascoli di montagna e premiò una singola persona, anziché un’associazione o un gruppo, Guglielmo Locatelli.

3edizioni

Francesco Arrigoni e i premiati delle precedenti edizioni

Il Premio, che consiste in 5.000 euro e in un oggetto artistico realizzato da un allievo della Scuola d’Arti e Mestieri F. Ricchino di Rovato, quest’anno sarà assegnato ai ragazzi della start up agricola Maramao.

Il progetto Maramao nasce nel 2014 da un’idea della Cooperativa Crescereinsieme. I terreni su cui sono coltivati gli ortaggi di Maramao sono di proprietà di privati che hanno affittato a basso costo o concesso in comodato gratuito terreni tra Canelli e Calamandrana, in provincia di Asti, coinvolgendo alcuni dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale ospiti dei progetti SPRAR, Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati. Obiettivo del progetto di start up è far nascere e consolidare in 3 anni una cooperativa agricola sociale che coltivi, produca e trasformi non solo prodotti agricoli ma anche relazioni, approcci e modi di guardare all’altro.

Accanto alla produzione di ortaggi, cereali, uva, nocciole e prodotti trasformati quali passate di pomodoro marmellate, succhi di frutta, pane e vino coltivati e prodotti secondo tecniche di agricoltura biologica, la cooperativa lavora per promuovere integrazione sociale, benessere delle persone coinvolte e relazioni di fiducia sul territorio tra chi coltiva e chi consuma i prodotti.

mondo-possibile

Il Comitato Francesco Arrigoni ha scelto di valorizzare il progetto dei ragazzi di Maramao perché la loro esperienza dimostra che è possibile ideare e realizzare con successo una cooperativa strettamente legata alla terra, che è di tutti e dove tutti hanno o dovrebbero avere il diritto, riconosciuto, di lavorare e vivere con dignità.

Francesco Arrigoni

Giornalista bergamasco di schiena dritta, morto improvvisamente a 52 anni, ha avuto una vita breve ma ha saputo riempirla di cose buone e giuste. Allievo di Luigi Veronelli, fondatore e direttore del Seminario Veronelli, è passato alle pagine del Gambero Rosso e poi, negli ultimi dieci anni, a quelle del Corriere della Sera. 

Download PDF

Leggi gli articoli de Le Notizie

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top