Il Seminario Veronelli nel 2016, anno trentesimo

in L'Editoriale • 9 Gennaio 2017 • di

L’anno appena concluso ha visto il Seminario Veronelli portare avanti sia le tante attività ordinarie – degustazioni, incontri di formazione e produzioni editoriali – sia il percorso di rilancio recentemente intrapreso. Obiettivo nel breve termine è proporre con maggior forza e chiarezza un punto di vista veronelliano sull’agricoltura e la gastronomia, affermare, cioè, quanto nel pensiero e nella sensibilità del nostro Fondatore riteniamo prezioso per la qualità della vita di ciascuno, oggi e nel prossimo futuro.

La cinquantennale difesa della “civiltà contadina” da parte di Luigi Veronelli, infatti, non nasce da un ottuso attaccamento alla tradizione, né da nostalgie bucoliche. Il suo costante e critico intervento nel settore agroalimentare a favore di una ruralità nuova è totalmente rivolto al futuro, per questo l’opera di Veronelli rappresenta ancora oggi un messaggio e un invito ad agire che il Seminario Permanente a lui dedicato ha il dovere di sviluppare: non si tratta semplicemente di preservare idee, concetti e pratiche ma di crearne di nuovi, coerenti tanto con la storica presenza veronelliana nell’ambito della cultura materiale, quanto con l’attualità del settore vitivinicolo e gastronomico.

Luigi Ghirri, Via Emilia, 1985

.

A questo proposito, nel trentesimo anno di attività e terzo di mia direzione, l’Associazione ha registrato un importante cambio di passo. Infatti, grazie ai contatti promossi nel biennio precedente e alla lodevole disponibilità di alcuni Associati, nel 2016 è stato possibile rinnovare il Consiglio Direttivo, coinvolgendo direttamente nuove e valide figure. Il nostro percorso di rilancio, quindi, ha raggiunto il giusto livello di profondità: identità, missione, strategie e priorità del Seminario Veronelli sono temi cruciali che possono essere affrontati e gestiti esclusivamente dagli Associati attraverso i loro rappresentanti.

Con grande competenza e altrettanta generosità di tempo e di energie il nuovo Consiglio Direttivo – eletto il 7 aprile 2016, giorno esatto del trentennale – ha avviato una coraggiosa analisi dei «pilastri fondativi» dell’Associazione al fine di verificarne la validità in un contesto radicalmente mutato rispetto al lontano 1986. I primi risultati di quest’ampia riflessione sono la formulazione di linee di sviluppo nel medio e lungo periodo, la maggiore consapevolezza nella programmazione e nella conduzione delle attività tipiche e, inoltre, l’azione sinergica di Consiglio Direttivo ed équipe su progetti di rilevanza primaria. Pienamente confermata e sostenuta dalla nuova compagine è, infine, la scelta della massima trasparenza nella gestione delle risorse economiche e nella redazione del bilancio, reso pubblico attraverso questo sito.

Al fine di condividere con tutti gli Associati quanto il Seminario Veronelli ha realizzato nel 2016, ho redatto un report delle attività svolte negli ultimi dodici mesi, documento che gli interessati possono visionare e scaricare attraverso il link in calce. Mi auguro che dalla lettura nascano suggerimenti, critiche, proposte e spunti utili a costruire il futuro prossimo dell’Associazione: tanto io quanto Presidente e Consiglieri saremo lieti di considerarli con la massima attenzione.

Un ringraziamento sincero e l’augurio di un felice 2017 va a tutti coloro che – associati, lettori, partner, colleghi, collaboratori e partecipanti agli eventi associativi – contribuiscono quotidianamente con il loro sostegno e la loro vicinanza ai progetti del Seminario Veronelli.

Andrea Bonini

.

SPLV – Le attività svolte nel 2016 (pdf, 9 MB)

.

Download PDF

Leggi gli articoli de L'Editoriale

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top