Guida Oro I Vini di Veronelli 2018

in L'Editoriale • 28 settembre 2017 • di

Un libro può contenere un intero mondo: uscendo dal contesto letterario nel quale questa frase è generalmente utilizzata, possiamo affermare, con un poco d’ironia, che ogni nuova edizione della Guida Oro I Vini di Veronelli corrisponde a un tentativo di dimostrarne la veridicità. L’intento della nostra Associazione, che redige e pubblica la prima guida ai vini italiani, è infatti quello di restituire al Lettore un ritratto fedele delle migliori produzioni enologiche del Paese, un “mondo” che va dalla Valle Isarco a Pantelleria, un settore nel quale operano un milione e trecentomila addetti e che rappresenta una branca fondamentale della nostra economia.

Pur limitandosi alle produzioni di maggior valore organolettico e culturale – i vini «più capaci di racconto», li definiva il nostro Fondatore – fornire punti di vista e valutazioni affidabili è un’impresa ambiziosa anche per un’organizzazione come la nostra, con alle spalle decenni d’esperienza. Ecco perché affidare allo stampatore – come abbiamo fatto proprio questa mattina – il risultato di un anno di lavoro è, inevitabilmente, un momento speciale, un passaggio che possiamo paragonare soltanto, restando in tema, all’imbottigliamento per un vignaiolo: ciò di cui a lungo ci si è presi cura diventa un oggetto a sé, dotato di un’identità propria e immodificabile, consegnato all’attenzione del Lettore (all’Assaggiatore, nel paragone).

“Messa in bottiglia” l’edizione 2018, è ora possibile descrivere i principali tratti della Guida Oro I Vini di Veronelli che sarà disponibile nelle librerie di tutta Italia a partire da giovedì 26 ottobre.

Per una pubblicazione che ha da sempre nella costanza e nella continuità due valori chiave, le novità sono, quest’anno, tutt’altro che marginali. La prima e più importante è rappresentata dal team dei Curatori: a valutare e raccontare i vini d’Italia sono, infatti, tre degustatori di grande competenza di cui due all’esordio. Accanto a Gigi Brozzoni, firma storica del volume, hanno lavorato Marco Magnoli, prezioso collaboratore del Seminario Veronelli dal lontano 2003, e Alessandra Piubello, giornalista e scrittrice veronese, degustatrice professionista nonché direttore responsabile di numerosi periodici ed autrice di libri di argomento gastronomico. Per la prima volta nella trentennale storia della Guida a ciascun Curatore sono state affidate aree geografiche ben definite, così da restituire al Lettore, in modo ancor più puntuale e fedele, l’attualità dei distretti vitivinicoli italiani.

I Produttori presenti sono 2.084 per un totale di 16.137 vini classificati, come di consueto, secondo giudizi in centesimi e con l’intuitiva scala in stelle.

L’eccellenza enologica italiana s’identifica, così, con i 314 vini ai quali sono state conferite le Super Tre Stelle in ragione d’un punteggio uguale o superiore a 94/100. Un numero di campioni premiati sensibilmente più basso rispetto a quello dell’edizione precedente: oltre che per l’uscita di annate poco felici in alcune denominazioni di prestigio, questo dato è indicativo del maggior rigore tenuto dai Curatori nell’attribuzione delle celebri “tre stelle blu”.

Da direttore sono certo la persona meno attendibile nel giudicare un’opera del Seminario Veronelli; devo dire, tuttavia, d’essere particolarmente orgoglioso dei Sole conferiti nell’edizione 2018. Quest’anno il “premio speciale” della Redazione è andato, infatti, a dieci vini che, per ragioni diverse, ritengo meritevoli della massima attenzione di appassionati e operatori. Qualche anticipazione? Come i nostri affezionati Lettori già sanno, i nomi dei vini insigniti del più veronelliano tra i premi saranno svelati soltanto durante la presentazione ufficiale del volume.

Dopo Siena e Roma, ad ospitare il più importante avvenimento annuale per la comunità del vino “secondo Veronelli” sarà un’altra splendida città d’Italia: presenteremo ufficialmente la Guida Oro I Vini di Veronelli 2018 venerdì 20 ottobre, alle ore 14.30, presso la Fondazione Giorgio Cini sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia.

Fondazione Giorgio Cini, Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia

Fondazione Giorgio Cini – la cui sede, affacciata sul Bacino di San Marco, è di per sé un capolavoro architettonico – è un centro culturale di rilievo internazionale di cui il Seminario Permanente Luigi Veronelli ha l’onore d’essere partner. Presieduta da Giovanni Bazoli e diretta da Pasquale Gagliardi, Segretario Generale, la Fondazione organizza ed ospita mostre d’arte, convegni, spettacoli, concerti ed ha al suo interno numerosi Istituti e Centri di ricerca di assoluto prestigio. Presentare nel meraviglioso Cenacolo Palladiano l’ultimo nato della più che cinquantennale produzione editoriale veronelliana vuol essere una convinta affermazione del valore culturale dei “mestieri del vino”. Al cospetto del facsimile delle Nozze di Cana di Paolo Veronese – un unicum realizzato nel 2007 grazie alla collaborazione con il Musée du Louvre e l’atelier Factum Arte di Madrid – vignaioli, ristoratori, sommelier, distributori, giornalisti e assaggiatori curiosi potranno conoscere in anteprima ogni dettaglio della Guida Oro I Vini di Veronelli 2018, scambiare idee e commenti con i Curatori e la Redazione, degustare i dieci Sole incontrandone di persona il produttore ma anche conoscere meglio l’Istituzione culturale che ci ospiterà.

A rendere ancora più piacevole questo appuntamento saranno alcune aziende alimentari d’eccellenza che offriranno in assaggio i loro prodotti.

Arrivederci a venerdì 20 ottobre!

Andrea Bonini

 

Presentazione in anteprima della Guida Oro I Vini di Veronelli 2018
Fondazione Giorgio Cini – Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia
Venerdì 20 ottobre, ore 14.30

Scarichi il Save the Date! (jpg, 1.6 MB)

L’evento è gratuito.

Per partecipare è necessario accreditarsi all’indirizzo email eventi@seminarioveronelli.com specificando nome e cognome, azienda e ruolo, recapito telefonico e indirizzo email di ciascun partecipanti. Sarà nostra cura inviare conferma dell’avvenuto accredito.

Download PDF

Leggi gli articoli de L'Editoriale

Articoli correlati

Scroll to top