Quattro chiacchiere con l’oste

Quattro chiacchiere con l’oste

Castelli Romani: storia, tradizione, cultura, cucina e tanto altro. È qui che nel 2004 Massimo Pulicati, con la moglie Marisa, apre L’Oste della Bon’Ora, un locale semplice e accogliente. In questa intervista ci racconta la storia del ristorante, della sua famiglia e del suo stretto rapporto con Luigi Veronelli.

Una cucina di storica eccellenza, e democratica

Una cucina di storica eccellenza, e democratica

Siamo alle pendici del Vesuvio, città metropolitana di Napoli, località Sant’Anastasia. Qui, dal 1952, l’osteria, ontologicamente parlando, è quella dei Curti. Un luogo gastronomico che celebra la storia ma è quantomai contemporaneo. Che mette al centro la filiera locale diretta e trasparente, costruita sull’attenzione e non sui marchi. Che coltiva la bellezza, dagli arredi ai calici, ma la sposa alla semplicità e all’accoglienza sincera. Che offre nel piatto la semplicità di un’osteria e la cura dell’alta cucina. Idem, nel bicchiere. A fine pasto arriva il loro mitico Nucillo, a coronare con un sentore unico, un luogo che non ha eguali.

Òstrega, il Riviera

Òstrega, il Riviera

Ben venga maggio. Il Riviera, a Venezia, riapre il 15 maggio. Si tratta di una piccola perla che amalgama alta cucina, sensibilità e pensiero critico, calda accoglienza, curata cantina. Una perla delle perle, dato che si trova a Venezia, dove la ristorazione d’eccellenza, negli anni, si è trovata in un guado. La pandemia potrebbe diventare un momento in cui azzerare questo destino di triste mediocrità. Ripartiamo dal Riviera, ad esempio. Una perla, come quelle che possono nascere nelle ostriche, frutto di sedimenti materiali e spirituali che germogliano, nel silenzio dell’acqua e del mare. Òstrega!