Carnevale senza mascherina?

Carnevale senza mascherina?

«Non era mai successo. Un Carnevale con tutti mascherati, con la stessa mascherina di colori diversi, imposta dall’alto, salutare anzi salvifica. Per un Carnevale così, bisogna immaginare una cucina mai vista…» E di una cena immaginaria in un Carnevale mai visto ci racconta lo storico della gastronomia Capatti nella sua rubrica Lecca Lecca.

Buzzonaglia

Buzzonaglia

Che cosa è la buzzonaglia? Questa parola è un guazzabuglio? Di certo non facile l’etimologia…ma quanti di noi la conoscono come materia prima e la sanno usare in cucina? L’arguzia di Capatti, ci porta dentro e fuori le cucine dei luoghi comuni, in cui oggi entra persino la… buzzonaglia di tonno. Leggere per credere.

Artusi & Veronelli

Artusi & Veronelli

di Alberto Capatti

Nel 2020 sono scoccati 200 anni tondi dalla nascita del primo gastronomo italiano, Pellegrino Artusi. Nel 2026 arriverà il centenario della nascita dell’anarchenologo Luigi Veronelli. Coi numeri e con le idee rivoluzionarie, dei due personaggi gioca Alberto Capatti, cercando tra loro affinità e lontananze, oltre tempo e biografia.

Pan de mia

Pan de mia

di Alberto Capatti

“Fingo che sia un pane in cui mia, in lombardo, è minga, mica, nulla, ma potrebbe configurare anche una misura lineare, le miglia, rivelandosi pane lunghissimo e così lo viviamo, il covid. Poi voglio assaggiarlo, voglio assaggiarla, ed è solo cifre e numeri, e non ci provo gusto, quindi passo ai ricordi – il pane è memoria – ed allora ha un sapore, un sapore di vita vissuta”.

Artusi VentiVenti

Artusi VentiVenti

di Alberto Capatti

Oggi si celebra il bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi. Ovvero della nascita della cucina italiana domestica contemporanea. La stessa ripensata durante il lockdown? Somiglianze e visioni davanti ai fornelli raccontate dalla colta arguzia di Alberto Capatti, firma autorevole del Seminario Veronelli e direttore scientifico di Fondazione Casa Artusi.